Archivio | marzo, 2007
28 Mar

Annunci

,,,

28 Mar

Everything fades, nothing stays,
Tied to a place we don’t belong,
Everything fades it may be delayed,
Frozen not dead, the grey and decayed.
Need a stranger to show me the truth,
Need somebody to help me through.
Everything fades it’s no bad thing,
Trusting a side to what do clear.
Need a stranger to show me the truth,
Need somebody to help me through,
In our decline without the flow,
Nothing gained and nothing to show.
Everything fades so glorious day,
However we try we can’t hold back time,
Failure can be good for your soul,
It tests your desires and leaves you alone.
Need someone, something, somehow,
Says to remember you as you are,
Need to shelter you from the storm,
Need a place that i can call home.
Like a prayer i can hear you calling,
Like a prayer i can hear you calling,
Like a prayer i can hear you calling for me,
Like a prayer i can hear you calling

Everything Fades – Nicky Wire

meglio.

20 Mar

eppure va meglio. perchè deve andare meglio. perchè voglio che vada meglio.
perchè ho passato un bel week end e avevo paura di far andare storto qualcosa.
scrivo dal mio nuovo pc, mentre a lainate lavorano sull’acer.
scrivo da un vaio rosa, il colore che invidio tanto.

mi sento di nuovo sola. non so se mi manca un pezzo nella testa o cosa. ma sarà sicuramente qualcosa di cui si sono dimenticati nell’assemblaggio.

a volte…

14 Mar

il tassista cerca di parlare, di farmi spiegare una strada, una via più veloce per arrivare dove devo arrivare. il tassista fa battute sceme ma non ride nemmeno lui. forse si è accorto del fazzoletto che stringo nella mano sinistra, della mia voce incerta, degli occi lucidi.
il mio cuore è a pezzi. il mio cuore è schiantato perchè andava troppo veloce. il mio cuore non ha parole e non ha ragione.
mio padre dice ‘domani cambio vita’. da qualche parte in un’isola tropicale aspettano lui e mia madre in un ristorantino come lavapiatti e aspettano tyler per spaccare i cocchi. in un’altra vita. qui corriamo come matti e cerchiamo sempre di essere comprensivi ma alla fine, non lo siamo neanche con noi stessi.